POTREBBE ESSERE COSI’?

Sarà curioso vedere in quale modo Maurizi andrà incontro alla società di via della Palazzina nel suo desiderio provare i giocatori che potrebbero tornare utili al progetto tecnico gialloblù del prossimo anno. Così come sarà interessante capire se Maurizi rispolvererà il suo fedelissimo modulo 3-5-2 o se cercherà di dare una linea di continuità al recentissimo passato.
Soprattutto alla difesa a quattro, che ha registrato la piacevole scoperta di Baschirotto terzino destro, rivelatosi, in questo ruolo, davvero irresistibile. In realtà il ragazzone Veneto potrebbe continuare a giocare sulla fascia destra anche con una mediana a cinque, non inserendolo nel trio difensivo, che resterebbe comunque coperto, con il recupero di Camilleri e Markic e la riproposizione di Mbende, il quale, con Maurizi era titolare inamovibile, mentre con Taurino era finito in panchina, avendo, il tecnico salentino, effettuato scelte diverse. Proprio qualcuna di queste scelte non è piaciuta al vertice dirigenziale e ha creato i primi contrasti in un rapporto che sembrava apparentemente solido.
Si vorrebbero garantire più rifornimenti e più assistenza a Murilo e il 3-5-2, in realtà, potrebbe favorire l’attaccante brasiliano, accostandolo a Tounkara, così come a centrocampo non si vorrebbe mai vedere escluso dall’undici titolare il giovane Adopo, oltre che provato adeguatamente Ammari, per capire se il Franco-Algerino può essere uno dei rinforzi per il prossimo anno.

error: Content is protected !!