Nella sala dei bottoni di via della Palazzina si sfoglia la margherita. Anzi, più di una margherita. Romano, Facci e Dal Canto hanno una linea diretta rovente. Le varie idee vengono condivise dal vertice gialloblu con il tecnico che sembrava avere un discreto mercato tra le squadre toscane, prima che la Viterbese giocasse d’anticipo. D’altronde, bisogna sottolineare come il curriculum di Dal Canto sia interessante, dal momento che ha già
vissuto diverse esperienze di tutto rispetto e sicuramente molto formative anche per la sua carriera. Il tecnico
veneto, infatti, ha guidato le compagini primavera di Juventus, Padova ed Empoli, ottenendo dei buoni risultati non
solamente in campionato, ma pure al Torneo di Viareggio. Diciamo che ha fatto una ampia “formazione”, oltre che una notevole gavetta. Anche con le nazionali azzurre giovanili.
Dopo l’esperienza con l’Arezzo, Dal Canto decise di virare verso un’altra squadra toscana e rispose positivamente
alla chiamata del Siena. Una compagine che ha sicuramente una storia con diversi anni in Serie A alle spalle e che
manca da tanto dal calcio che conta. Ebbene, anche con la squadra bianconera, Dal Canto ottenne dei buoni
risultati, mentre, nell’ultima stagione, è arrivata la difficile esperienza alla guida del Livorno. L’ambiente, per colpa
di una situazione societaria estremamente incerta e difficoltosa, non era di sicuro il migliore per poter lavorare in
maniera serena. Ora Dal Canto potrà sperare di essere per la quarta volta di seguito nel girone A, che significherebbe il tanto agognato spostamento della Viterbese?

error: Content is protected !!