pallone

Fu un ottimo attaccante, che ebbe il periodo migliore nel Vicenza, dove segnò 17 reti, laureandosi vice capocannoniere del campionato alle spalle di Gigi Riva.
La squadra veneta lo cedette alla Fiorentina per l’ingente somma di 700 milioni. A Firenze un campionato solo all’ultima giornata e la Fiorentina lo girò al Cagliari l’anno successivo (1971-72), ma anche nell’isola non andò bene e l’intesa con Gigi Riva non decollò mai.

Ritornò a Vicenza e si fece espellere alla prima giornata di ritorno del campionato durante la partita Lazio-Vicenza per un accesissimo battibecco con l’arbitro Branzoni, un gesto che gli costò otto giornate di squalifica, poi ridotte a sei. 

Chiuse con il calcio professionistico e andò a giocare nella Centese in Serie D. prima ancora di iniziare il campionato, il terribile schianto con l’auto e l’incredibile scomparsa a soli 32 anni!

error: Content is protected !!