Viterbese con il piede sull’acceleratore. Il diesse Mauro Facci tesse – senza soste – la tela a cui guardano con piacere il presidente Romano e l’allenatore Dal Canto. Sul parco degli under si sta lavorando, con pazienza e determinazione, perché, alla fine dei giochi, ce ne dovrà essere una decina in organico, ma, rispetto al recente passato, tutti in grado di essere titolari o di poter rappresentare cambi importanti per Dal Canto. Non c’è da dimenticare che il tecnico veneto avrà a disposizione l’altro 2000, Marco Simonelli, oltre a Edoardo Tassi, su cui la società di via della Palazzina punta molto. A tutto ciò si è aggiunto pure Simone D’Uffizi, addirittura un 2004, reduce dall’esperienza con il Nuova Florida.
La tessera più importante inserita ieri nel mosaico del mercato gialloblu è sicuramente Riccardo Calcagni, il 27enne centrocampista del Matelica a cui la Viterbese aveva iniziato a fare la corte un mese fa. Si erano inserite anche altre società, negli ultimi giorni, compreso il Padova, ma l’accordo preliminare è stato confermato dal giocatore umbro e il “gioiellino di Deruta” entra a far parte del centrocampo di Dal Canto, che si è presentato nella maniera migliore: poche parole, nessun proclama e l’appuntamento rinviato al lavoro di tutti i giorni, dal quindici luglio in poi.
Importante, però, è stato apprendere dalla sua viva voce che non esiste uno schema ferreo, senza giocatori “non adatti”, come spesso è accaduto negli anni scorsi. Una garanzia in più per la società, ma anche per quei giocatori che si sarebbero potuti trovare in una situazione delicata.

error: Content is protected !!