L’idea è quella di ridurre i club professionistici, passando dagli attuali 100 a 60. Serie A Serie B resterebbero intatte, la Serie C si scinderebbe. 20 club costituirebbero la Serie C Elite e rientrerebbero nel professionismo, gli altri 40 (20 per girone) la Serie C. Quest’area rappresenterebbe il semi-professionismo assieme alla Serie D Elite, composta da 54 squadre divise in 3 gironi. Al di sotto ci sarebbe il dilettantismo, al cui vertice troviamo la Serie D: 144 i club, 8 i gironi.

error: Content is protected !!