VITERBO – Per certi versi la Coppa Italia arriva opportunamente per la Viterbese, se non altro perché deve pensare a qualcosa di diverso, rispetto al momento difficile del campionato e alla sconfitta di Olbia. C’è Viterbese-Turris, con possibilità di superare il turno, in una manifestazione che riporta a momenti del tutto particolari, come la conquista della Coppa Italia nel 2019.
E se davvero al tecnico e alla dirigenza è piaciuta la Viterbese del secondo tempo di Olbia, allora potrebbe essere probabile l’utilizzo di Alberico, un centrocampista che finora non è riuscito a mettere in campo le qualità per le quali era stato scelto. Potrebbe trovare spazio anche Foglia, che non necessariamente deve essere visto come il vice-Megelaitis, ma che ha solo il problema di aver perso tanto tempo lo scorso anno a causa di un infortunio.
Come è accaduto al centravanti Volpe, al quale dovrebbe mancare una decina di giorni per l’ok dei medici, oppure a Errico, che ha sofferto molto i tempi di recupero per lo stop della scorsa stagione. Insomma, neanche l’infermeria aiuta troppo la Viterbese in questo momento delicato, dove l’importante dovrà essere la lucida autocritica e lasciare che sia il campo di gioco a decidere chi è inferiore alla Viterbese, non i propri convincimenti teorici.

CDS
error: Content is protected !!