pallone

PIETRO ROCCHI, FIGLIO DEL PRESIDENTISSIMO ENRICO

“Per me è stata una delle giornate più belle della mia vita! Rivedermi con quei “Mitici”, che ho vissuto in prima persona, anche se ero solo un ragazzo. Mio padre entrò nella Viterbese il 3 settembre del 1966 e aveva una grande passione per i colori gialloblù. L’unico suggerimento che diedi a mio padre fu proprio quando ci recammo al Flaminio a vedere una partita del Pro Cisterna. Notai subito che Lorenzon era un terzino molto forte e chiesi a mio padre di prenderlo. E per sua fortuna e della Viterbese mi diede retta”.

error: Content is protected !!