LE PAGELLE FINALI DELLA VITERBESE DI CARBONI, DEL 2003/04 …

LE PAGELLE FINALI 2003/04

DI  SAURO.  Alla sua prima  intervista affermò di “essere un giocatore  mai  da  otto  in  pagella,  ma  sicuramente  da    sei  e mezzo fisso”. Tutto confermato in campo, con 33 presenze. Gli è mancato solo il gol. Voto 7

SIBILANO. Uno dei giocatori che ha dato una marcia in più alla Viterbese, dalla sofferente squadra in costruzione della Coppa Italia, alla primatista delle undici giornate consecutive. Anche due gol per il barese, con una piccola flessione nel girone di ritorno,  ma  anche  una  pronta  ripresa  nel  finale:  i  playoff avranno un protagonista certo. Voto 7,5.

PAOLETTI. La sua stagione è stata praticamente perfetta. In più di un’occasione ha dato una consistente mano alla Viterbese ad affermarsi e a mantenersi in quota. Altro che personaggio da plusvalenze di bilancio: un assoluto dominatore dello spazio racchiuso tra i pali! Voto 7,5.

MARTINETTI. Il capitano non si è smentito. Dopo la stagione scorsa,  che  sembrava  irripetibile,  con  15  reti  segnate,  si  è ripetuto quasi agli stessi livelli ed avrà a disposizione ancora le finali del campionato per rinverdire il suo palmares di giocatore con più presenze e più gol nella storia della serie C della Viterbese. Voto 7,5.

SANTORUVO. Il “gladiatore” non si è sottratto al dovere neanche stavolta, sia sui rettangoli di gioco, sia sul lettino del chirurgo  e  su  quello  del terapista,  visti gli infortuni a  cui è andato incontro. Alla  fine  le  sue  32  presenze  sono  di gran  significato  per  la squadra, che in molti momenti della gara respira grazie a lui, alla  sua  bravura  a  tener  palla  e  a  guadagnarsi  calci  di punizione. Ha tagliato il prestigioso traguardo delle 100 presenze in gialloblù. Voto 7.

BIANCONI. Soprattutto un gran girone di ritorno, ma anche il resto della stagione non è stato niente male. Davvero notevole per  uno  di  36  anni  come  lui,  che  non  vuole  assolutamente appendere   le   scarpette   al   chiodo   e   che   attende   ancora, quantomeno, la sfida con Russo e Pagana dell’Acireale. Voto 7.

GAZZI. E’ stato l’uomo nuovo di questa Viterbese, il giovane di maggior spessore. Il ragazzo veneto ha dato ordine e semplicità al centrocampo e soltanto nel finale di campionato ha accusato un po’ della fatica. Voto 7.

CINGOLANI. Strepitosa la fase ascendente della stagione. Velocità, dribbling e tiro (con 4 gol) hanno fatto di lui un centrocampista  travolgente.  Qualche  infortunio  lo  ha  frenato nel girone di ritorno. Voto 7.

MANNUCCI, POLLINI e FRAU. Tutte e tre hanno avuto a che fare con gli infortuni, tutti e tre non hanno giocato quanto avrebbero meritato, ma si sono sempre fatti trovare pronti e potrebbero  essere  delle  pedine  fondamentali  per  i  playoff, perché tatticamente hanno pochi “cloni”. Voto 6,5.

ANDREOTTI. Non è partito molto bene, poi è cresciuto, diventando assai utile  alla  causa  di Carboni,  soprattutto  nel periodo degli infortuni di Frau e  Mannucci, che aprivano dei vuoti sulle corsie laterali. Voto 6,5

EVACUO e BERARDI. L’ex laziale è anche riuscito a segnare dei gol capitalizzando bene lo spazio a disposizione ed anche l’ex barese è arrivato alla segnatura nella penultima giornata. Voto  6+.

GIMMELLI. Una delle “scoperte” di Carboni. Il tecnico toscano lo ha impostato fin dall’inizio come terzino destro, gettandolo nelle mischie delle palle inattive che hanno portato il ragazzo di Canosa, scuola-Inter,  a segnare quattro gol. Voto 6,5.

error: Content is protected !!