IL TOUR. SI CONFERMA LA CORSA PIU’ IMPORTANTE AL MONDO, NONOSTANTE …

… la tappa finale si corra come se fosse una scampagnata fuori porta. Va bene le passerelle, le foto in corsa, ma dovrebbe essere roba da primo chilometro: non si può arrivare sotto la Tour Eiffel alle OTTO di sera. La grande corsa può vantare un periodo migliore rispetto al Giro d’Italia, con folle oceaniche a bordo strada, che è una cosa positiva, ma al Tour si esagera, permettendo di invadere tutta la carreggiata. Abbiamo visto più di un corridore che non ha potuto sorpassare perchè non c’era spazio sulla strada. Probabilmente girano tanti soldi, altrimenti non si spiegherebbe perchè nessuno dei grandi protagonisti, ma anche di quelli che seguono, non partecipano alla corsa rosa italiana, che dovrà inventarsi qualcosa, visto che la Tirreno-Adriatico riesce a ingaggiare diversi grandi nomi, visto che nell’edizione della scorsa primavera ha vinto Pogacar davanti a Vingegaard.

CLASSIFICA FINALE:

1 VINGEGAARD Jonas Jumbo 76:33:57
2 POGAČAR Tadej UAE Team 3:34
3 THOMAS Geraint INEOS 8:13
4 GAUDU David Groupama 13:56
5 VLASOV Aleksandr BORA 16:37
6 QUINTANA Nairo Arkéa 17:24
7 BARDET Romain Team DSM 19:02
8 MEINTJES Louis Intermarché 19:12
9 LUTSENKO Alexey Astana 23:47
10 YATES Adam INEOS 25:43
11 MADOUAS Valentin Groupama 36:50
12 JUNGELS Bob AG2R 46:14
13 POWLESS Neilson EF 47:48
14 SÁNCHEZ Luis León Bahrain  50:09
15 PINOT Thibaut Groupama 50:53. 

error: Content is protected !!