IL GIUDICE. LA MOTIVAZIONE DELLA SQUALIFICA DI PESOLI …

“PESOLI EMANUELE (VITERBESE)
per avere, al termine del primo tempo, tenuto una condotta offensiva verso un tesserato della squadra avversaria in quanto, quando tutti i calciatori erano negli spogliatoi, proferiva nei suoi confronti frasi irriguardose in conseguenza delle quali si verificava un diverbio fra i due.
Misura della sanzione in applicazione degli artt. 4 e 13, comma 2, C.G.S., valutate le modalità complessiva dei fatti e la condotta rispettivamente tenuta dai due tesserati avversari.”

error: Content is protected !!