BOCCUCCI: “SEGUIRE IL CALCIO FACENDO A MENO … DEL BARBIERE!”

Il legame è ancora più forte se, come ha fatto Claudio Di Marco, si prende per mano il filo di Arianna e lo si dipana in modo chiaro, trasparente, piacevolmente coinvolgente. Emerge la bella idea di raccontare la Viterbese facendo a meno del barbiere perché tutto resti nella pienezza dei contenuti, dei nomi e dei numeri attraverso i protagonisti e le loro vicende sportive. Niente di più facile trasportare la memoria dei barbuti che sono passati per Viterbo verso certe…

Leggi il seguito

GHIRELLI: “I GIOCATORI DI VITERBESE E MONZA, UN ESEMPIO!”

“Faccio una premessa che so che sarà provocatoria: mi auguro che quanto dirò venga ripreso dalla comunicazione a livello nazionale perché, altrimenti, si perderà un’occasione per rimarcare finalmente, un gesto positivo e lodevole che riguarda il calcio italiano. I calciatori di Viterbese e Monza, al termine di una finale di andata combattuta ed avvincente, preludio ad un ritorno combattutissimo visto il risultato, si sono ritrovati tutti insieme al centro del campo, si sono abbracciati e hanno guadagnato gli spogliatoi in…

Leggi il seguito

AMARCORD. LA CONQUISTA DELLA COPPA ITALIA DI SERIE D DA PARTE DELLA CASTRENSE

Nella Tuscia esiste una sola squadra che è stata capace di fregiarsi della coccarda tricolore, quella della Coppa Italia di serie D. Un titolo di indubbia rilevanza, arrivato nella ridente Grotte di Castro dopo una lunga galoppata. Su è giù per l’Italia, quando la Castrense di Piero Camilli si era affacciata prepotentemente sul calcio di serie D. Il giorno del trionfo, contro il Montecchio, fu a Grotte di Castro, con un poker firmato da Salomone (doppietta), Moriani e Cavallo, quest’ultimo…

Leggi il seguito

Amarcord. Gli spareggi del 1976/77 per la serie A

Da giovani cronisti seguimmo per La Nazione lo spareggio di Terni per andare in serie A. Grande colore, con il tifo sardo e la grande partecipazione dei tifosi pescaresi che quasi riempirono lo stadio Liberati di Terni. Gli spareggi, poi, sancirono la prima promozione in serie A del Pescara. Era una serie B di grande valore, impensabile oggi. Il tandem offensivo del Cagliari, ad esempio, oggi varrebbe 50 gol in serie A, oppure quello dei centrocampisti del Pescara, Nobili e…

Leggi il seguito

GLI EX GIALLOBLU CHE HANNO VINTO A BARI!

CORNACCHINI E NEGLIA HANNO RIPORTATO IN C LA SQUADRA DI DE LAURENTIS Il Bari ha fatto ritorno fra i Professionisti dopo il fallimento dello scorso anno. Missione compiuta per l’ex tecnico gialloblu, Giovanni Cornacchini, alla guida dei galletti dalla scorsa estate, e dell’ex attaccante “Profeta” Neglia.  Missione compiuta, quindi per “Gio’”, dopo diverse delusioni, chiamato dal nuovo patron pugliese De Laurentiis per far rinascere il progetto tecnico biancorosso. “Sono contento – dice l’ex tecnico gialloblu –  per un’annata impegnativa, dove dovevamo…

Leggi il seguito

LA 💊 DEL LUNEDÌ (per iniziare con un sorriso)

Quella domenica si confrontavano due società che avevano deciso di non aiutare la stampa. Perciò decisi di andare a vedere una squadra che da ormai da due anni non mandava più nessun tabellino né forniva alcuna indicazione nemmeno sui gol segnati (sigh!). Incontro un dirigente di questa società che conoscevo da vecchia data: D: Ciao, so che non passiamo niente a nessuno ma perché c’è una precisa direttiva della società. La società mi paga e perciò anche io che faccio…

Leggi il seguito

PAPONI, GOL CHE E’ VALSO LA SERIE B

17 RETI Castaldo  (Casertana) 13 RETI D’Ursi  (Catanzaro) 12 RETI Fischnaller (Catanzaro), 11 RETI Sarao (Francavilla),  Paponi  (Juve Stabia),  França  (Potenza) 10 RETI Lodi (Catania), Carlini (Juve Stabia),  Mangni (Monopoli) 9 RETI Taurino  (Vibonese) 8 RETI Polidori (Viterbese), Marotta (Catania), Fella (Cavese), Partipilo (Francavilla), Cesaretti (Paganese), Vivacqua (Rende), Catania (Siracusa), Evacuo (Trapani) 7 RETI Sandomenico (Reggina), Gondo (Rieti), Vasquez (Siracusa),  Nzola (Trapani) 6 RETI Pacilli (Viterbese), Sciamanna  (Cavese), Floronusho (Francavilla), Mezavilla (Juve Stabia), Gerardi (Monopoli), Ricci (Potenza), Awua  (Rende), Taugourdeau (Trapani)…

Leggi il seguito

EDIZIONE MAGNUM. CONSOLIAMOCI CON L’ALBINOLEFFE!

La seconda sconfitta consecutiva in campionato, che piazza la Viterbese momentaneamente fuori dai playoff, può essere in parte lenita dalla netta sconfitta del Monza. I Brianzoli, infatti, sono stati sconfitti per tre a zero dall’Albinoleffe e se sono riusciti in questo i Bergamaschi allora la Coppa Italia potrebbe essere più facile da conquistare. A. Meno che il Monza non si sia risparmiato proprio pensando alla Viterbese, anche se perdere per tre a zero non piace mai a nessuno.

Leggi il seguito

LA CAVESE TIENE I GIALLOBLU FUORI DAI PLAYOFF

E’ stata una giornata assai più negativa del previsto per la Viterbese, che esce per la prima volta dalla zona playoff a seguito di alcuni risultati concomitanti, compreso quello della Cavese, che in pochi giorni ha conquistato ben sei punti sui Gialloblu. Nonostante si pensi alla Coppa Italia, bisognerù cercare di vincere lo scontro diretto contro il Rende di domenica prossima. Monopoli-Cavese 0-1 MONOPOLI (3-5-2): Pissardo; Gatti, De Franco, Mercadante (57′ Montanaro); Fabris, Paolucci, Scoppa, Zampa, Donnarumma; Berardi, Gerardi. Allenatore:…

Leggi il seguito

IN B C’E’ UN NUOVO NIDO DI VESPE….

LA JUVE STABIA HA CENTRATO IL GRANDISSIMO OBIETTIVO JUVE STABIA (4-3-3): Branduani; Vitiello, Marzorati, Troest, Germoni; Calò, Mezavilla (22’ s.t. Torromino), Carlini (40′ s.t. Viola); Melara (12’ s.t. Mastalli), Paponi (40′ s.t. Vicente), Elia.(A disp: Venditti, Schiavi, Vicente, El Ouazni, Di Roberto, Castellano, Dumancic, Sinani, Lionetti); All: Fabio Caserta. VIBONESE (4-3-1-2): Mengoni; Finizio (30’ s.t. Donnarumma), Silvestri, Camilleri, Maciucca (30’ s.t. Melillo); Scaccabarozzi (40′ s.t. Rezzi), Obodo, Collodel (27’ s.t. Ciotti); Taurino; Allegretti (26’ s.t.Tito), Bubas. (A disp: Zaccagno, Franchino, Malberti, Cani,…

Leggi il seguito

LA “FAVOLA” DEI RAGAZZI DEL PIANOSCARANO DEGLI ANNI SETTANTA

Tra questi vi era Alfonso Talotta, il quale cercò di gestire al meglio le due grandi passioni, quelle per il gioco del calcio e per l’arte, riuscendo in entrambe con apprezzabili risultati. Una sorta di artista a tutto tondo, con la spiccata sensibilità nell’osservare tutto ciò che l’ha circondato e di seguire con attenzione anche gli eventi culturali che – in qualche modo – lo ricollegano alle proprie radici. Meglio ancora se vissute in primissima persona, come ciò che ci…

Leggi il seguito
error: Content is protected !!