LE EMOZIONI DELLA DOMENICA MATTINA DEL CALCIO GIOVANILE

Abbiamo raccontato già di quelli più noti, da Talotta a Caporossi, da Cecchelin a Proietti, da Ciatti a Dini, ma ci furono tanti altri che, con grande umiltà, provavano ad immaginare di poter diventare, un giorno, dei calciatori di una certa importanza. Briziobello, Pellecchia, Arconi, Barzellotti, Antonini, Pasquini, Ciorba, Petrucci, Rissone, Fanelli, Espositi, Marini, Ragonesi, Andreoni, Cardoni e tanti altri per cui arrivò il momento di smettere di sognare e pensare alla vita della normalità. Insomma, diverse stagioni vissute davvero…

Leggi il seguito

GAZZI, STORIE DA MEDIANO…

La Viterbese del 2004  aveva rischiato di spiccare il volo verso la serie B. Erano i primi accenni di un’estate che cominciava a delinearsi sotto l’aspetto meteo, ma che aveva ancora tanto da riservare, in negativo, alla gente gialloblu, che assistette incredula ad uno dei più assurdi fallimenti societari. Da quella Viterbese dissoltasi nel nulla molti giocatori spiccarono il volo verso le categorie superiori. Tra questi proprio Sandro Gazzi, centrocampista silenzioso, rimasto fedele alle tradizioni di una volta. Ed anche…

Leggi il seguito

AMARCORD. GLI ALBORI DEL TERZO MILLENNIO

I baffi nei calciatori sono quasi del tutto scomparsi, proprio mentre prende sempre più piede internet, che si espande a macchia d’olio, modificando tutto e tutti, rendendo la realtà assai più dilatata e discostata, talvolta, dall’effettiva esistenza giornaliera di un tempo. La schedina Totocalcio – la vecchia e cara schedina – è già andata in disuso, fagocitata da altri incentivi assai meno romantici. Il famoso slogan “domenica sarai milionario!”, con lo sfondo di una schedina  e di un pallone –…

Leggi il seguito

VIOLETTI E IL CALCIO GIOVANILE…

Enzo Violetti ha iniziato giovanissimo ad andare in panchina, vivendo tante stagioni e altrettante esperienze, facendo pure parte di altre società della Tuscia. Ne ha visti tanti di ragazzini tuffarsi nel calcio, spesso perdersi, talvolta mollando, in qualche occasione mostrando talento e voglia di sognare il grande evento. “Negli anni ottanta – dice Violetti – allenavo al Grotte Santo Stefano e riuscì a fare il salto di categoria un mio giocatore, Enrico Centaro, che ebbe la grande occasione di finire…

Leggi il seguito

AMARCORD. LA DAVIS ITALIANA VINTA NEL 1976

Dicembre 1976, Estadio Nacional de Cile: l’Italia vince la Coppa Davis. L’Italia ebbe vita facile all’esordio, con due successi per 5-0 maturati contro Polonia e Jugoslavia. A luglio, Roma ospitò la Svezia di Bjorn Borg, il quale, reduce dalla sua prima vittoria a Wimbledon, diede clamorosamente forfait permettendo agli azzurri di continuare la cavalcata europea ed avanzare al turno successivo dove ad attenderli c’erano gli inglesi, cui spettò la scelta della superficie. A SW19, nonostante una sconfitta in doppio, la scontatissima erba diede ragione…

Leggi il seguito

AMARCORD. LE ORIGINI DELLA PALLAVOLO, NEL CAPOLUOGO E NELLA TUSCIA

Nel capoluogo viterbese tutto era iniziato, con i primi anni sessanta, nel piazzale della caserma dei Vigili del Fuoco. Si misero insieme i facenti parte del Corpo ed alcuni sportivi, molti dei quali intraprenderanno, poi, la professione di insegnanti di educazione fisica. Verga, Biagi e Giacoboni erano tra questi: per poter far parte della squadra, però, dovevano fare la tessera di Vigili del fuoco ausiliari. Si giocava in ambito regionale, sempre su campi asfalto scoperti, spesso sotto la pioggia, talvolta…

Leggi il seguito

AMARCORD. IL PADRE DI ZANIOLO, CHE SEGNO’ ALLA VITERBESE

Il figlio è il personaggio del momento, il padre fu protagonista, a livelli inferiori, in più di un’occasione. Anche in un pomeriggio del febbraio del 1988, quando era l’attaccante dello Spezia, inserito nello stesso girone di serie C dei Gialloblu. La partita si giocava alla Palazzina, per il girone di ritorno, tra Viterbese e Spezia, con i Gialloblu in vantaggio con Luciano Foschi, un gol che poteva significare vittoria, ma, a un minuto dal termine, Igor Zaniolo (il padre, appunto…

Leggi il seguito

AMARCORD. LA SERIETA’ DEL ROCCIOSO DIFENSORE ZAPPELLA

Serio, di poche parole fuori dal campo, roccioso e altrettanto di poche parole all’interno del rettangolo di gioco. Poche parole, ma tanti fatti per Beppe Zappella che in gialloblu giocò in due riprese e che la cui mancata conferma la seconda volta destò più di una perplessità, unita a un certo disappunto degli osservatori più attenti. Un difensore così, di scuola-Milan, con quella decina di presenze in serie B con la maglia del Como e una intera stagione – sempre…

Leggi il seguito

IL BARI CHE ELIMINO’ LA JUVENTUS DALLA COPPA ITALIA…

Allenato da Bruno Bolchi, 2-2 contro la Juventus (dopo l’incredibile vittoria per 2-1 al comunale di Torino), contro la squadra più forte di quel momento in maniera a dir poco clamorosa ed inaspettata.Al vantaggio barese di Messina, calcio di rigore, fallo di Gentile su Cuccovillo, rispondeva Michael Platini su assistdi Cabrini. A circa 10 minuti dal termine, un colpo di testa in tuffo di Tardelli, poi all’ultimo minuto, penalty per fallo di Scirea su Totò Lopez. Sul dischetto si portava…

Leggi il seguito

LUCA MOREO, VITTORIA DEL CAMPIONATO DI C2 DA GOVANISSIMO…

LUCA MOREO HA VINTO DA GIOVANISSIMO UN CAMPIONATO DI C2 CON LA VITERBESE, INIZIO DI UNA CARRIERA DURATA A LUNGO E CHE GLI HA PERMESSO DI VINCERE ANCHE ALLA SOGLIA DEI 40 ANNI. PER ASCOLTARE L’INTERVISTA ORIGINALE DEL 2015 CLICCARE SOTTO: VINCERE ANCORA… Ancora un successo nella carriera di Luca Moreo, 39 anni, pugliese doc, con la Pianese, balzata in Eccellenza a seguito di un girone di ritorno mostruoso, senza sconfitte, che ha raddrizzato un girone d’andata a rilento.   Moreo, calciatore esperto,…

Leggi il seguito
error: Content is protected !!