PILLOLE DI CALCIO (per un sorriso…)

Società di eccellenza romana (che, in realtà, di eccellenza ha veramente poco…). Vengo a sapere, a novembre, che c’è un dirigente che ho conosciuto in altre società con cui PENSAVO di aver insaurato perlomeno un rapporto di cordialità (considerato che, gli anni prima, ridevamo e scherzavamo insieme in tribuna). Lo chiamo per questo solito benedetto, e famoso, tabellino domenicale. Dirigente: No, mi dispiace. Faccio il team manager, non prendo tabellini. Se LEI vuole venga a vedere la partita. in alternativa…

Leggi il seguito

AMARCORD GIOVANILE. VITERBESE IN RITARDO, SI SPOGLIA SUL PULLMAN

Erano i tempi dei pantaloni a zampa di elefante e di un calcio che sapeva regalare ai giovani tutto ciò di cui avevano bisogno, per una vita sana. Più volte le due squadre viaggiarono sullo stesso pullman per andare a giocare a Roma. Una volta la juniores scese a giocare sul campo del Flaminio Andrea Doria, mentre la Berretti proseguì per andare sul campo dell’Almas. La  prima  domenica  di  ottobre,  in  occasione  della  “fiera” annuale alla Storta, alla periferia della…

Leggi il seguito

LA PILLOLA DEL LUNEDI’ (per cominciare la settimana con un sorriso…)

Le partite si accavallano. Dopo i giovanissimi arriva l’Eccellenza, poi alle 12.45 è la volta degli allievi. Solo nominalmente, però, visto che mai una partita di Eccellenza, cominciando alle 11, è terminata alle 12.45 in punto.Quella domenica arrivano al campo padre e figlio con il ragazzo che avrebbe dovuto giocare alle 12.45. Avrebbe.PADRE (rivolto a me) – Scusi a che minuto siamo? E’ finita la partita?IO – O no, guardi, manca ancora mezz’ora.P – Come mezz’ora? Ma sono le 12.30,…

Leggi il seguito

AMARCORD. ANNI DI CALCIO E DI REDAZIONE …

SI SCRIVEVA NEL 2007… Diciotto anni. Tutto quasi come allora? Oppure è cambiato quasi tutto? Per molti versi sembra la seconda risposta quella più attinente alla realtà, di mezzi, di persone, di linguaggi, di valori. Difficile riconoscersi ancora in qualcosa che, invece, diciotto anni fa prendeva corpo in un mondo decisamente diverso. D’Ascanio e Alimelli, due di allora, del Corriere di Viterbo, i soli due di allora che posso ricordare: la stima è rimasta ancora, e credo reciproca, da quel…

Leggi il seguito

AMARCORD. ITALO CUCCI, LA PREFAZIONE DI “CARO SPORT TI SCRIVO”

Ho avuto l’occasione di dirigere la Gazzetta dello Sport, all’inizio degli Ottanta ma ho preferito continuare a far ricco il Mio Guerino eppoi accettare il passaggio al Corriere dello Sport. Ero nell’ufficio dell’Editore Amodei, io da poco approdato a Piazza Indipendenza, quando mi passò una telefonata… milanese. Era Gino Palumbo, direttore della Rosea: “Perché a me hai detto no è a loro sì?” “Direttore, perdonami, loro hanno più campanili…”. Non ebbi bisogno di ulteriori spiegazioni. Nato e cresciuto in provincia,…

Leggi il seguito

AMARCORD. COME NACQUE LA STELLA DI LIVERANI

“Avevo diciannove anni quando arrivai a Viterbo. Provenivo dal calcio giovanile – dice Liverani – e mi affacciai a quello dei grandi, dove trovai tanti giocatori che avevano iniziato prima di me la stagione. In quel momento potevo essere considerato la riserva di Balducci e Martinetti, ritenuti i pezzi da novanta di quella squadra. E quando la società decise di metterli fuori, nella partita con il Chieti, per la nota vicenda del loro contratto con l’Ancona, io venni gettato nella…

Leggi il seguito

IL 21 OTTOBRE ’90 L’ULTIMA TRASMISSIONE DI PAOLO VALENTI

La dimostrazione di chi è attaccato al lavoro fino all’inverosimile, fino a decidere di andare in onda anche quando tutto ti farebbe desistere. La popolarità di Paolo Valenti fu legata al grande successo di 90º minuto, da lui condotto fino al 21 ottobre 1990. Nella puntata di quel giorno apparve molto dimagrito e con la voce affaticata: già gravemente malato, si sarebbe spento poco dopo. Era davvero qualcosa che apparteneva agli Italiani come la bandiera tricolore, che entrava nelle famiglie…

Leggi il seguito
error: Content is protected !!