GIULIO BIZZOTTO, GIOVANE ATTACCANTE PER LA VITERBESE

«Sono nato a Nove, vicino a Bassano del Grappa. In alcuni anni ho avuto delle difficoltà, tutti gli allenatori che ho avuto mi hanno insegnato qualcosa, chi dal punto di vista tecnico, chi sotto l’aspetto del temperamento. In Primavera, ad esempio, ho imparato anche che non si molla mai. Giulio Giacomin è forse l’allenatore che mi ha cambiato più di tutti. Quella stagione con la Primavera non era partita benissimo, poi ho segnato due gol che sono stati una scossa. Mi è cambiata la vita!
E’ il sogno di ogni bambino segnare alla prima partita tra i professionisti. Io ci sono riuscito, anche se mi resta il rammarico di non aver messo dentro il gol della vittoria». A soli 18 anni, e appena otto minuti dopo essere entrato in campo per la partita di esordio in Serie B, infatti, il ragazzino segnò la rete della salvezza del Cittadella, qualche anno fa.
 
 
 
error: Content is protected !!