ANCHE ROMANO, QUALCHE VOLTA, S’INCAVOLA…

Chi aveva cominciato a conoscere il presidente Romano come mite e calmo ha dovuto ricredersi ieri sera, quando si è espresso come un fiume in piena nei confronti dell’arbitraggio di Catania.

Quel calcio di rigore, la cui legittimità non aveva convinto nessuno, ha mandato su tutte le furie anche un presidente dal grande aplomb come lui e Romano, oltre ad aver puntato l’indice nei confronti del direttore di gara e di preannunciato di farsi sentire dal presidente Ghirelli e dalla Lega Pro.

Tutto giusto e tutto motivato, anche non crediamo che cambi nulla quando si va a sbattere i pugni in Lega e, magari, non sarà neanche l’ultimo episodio negativo di una stagione ancora all’inizio.

Il calcio è anche questo, con i suoi errori e i suoi controsensi, come quelli del Catania e del suo allenatore che hanno visto una grande vittoria e una grande prestazione, quando è stata un prova davvero deludente rispetto al ruolo assegnato ai Siciliani.

Infine, non si può neanche dimenticare che la prova gialloblu non è stata neanche così splendida, altrimenti, forse, si sarebbe parlato di altro e non soltanto di un episodio così discutibile, come il calcio di rigore decisivo.

QUESTA LA SINTESI DELLA GARA DI CATANIA…

error: Content is protected !!