Potrebbe essere un vantaggio non indifferente per Maurizi e i suoi uomini la scelta del Francavilla di concedere spazio ai giocatori che hanno avuto minore spazio. Una chiara scelta di una società che ha deciso di chiudere qui la stagione, considerando che avrà a disposizione solo due partite, visto il turno di riposo della prossima settimana. E’ chiaro che anche conquistando sei punti i Pugliesi non raggiungerebbero il decimo posto, ma forse la strategia è troppo prematura, anche perchè potrebbe esserci in ballo anche l’ipotetico undicesimo posto. Probabilmente il motivo è un altro e cioè che, anche in caso di un accesso ai playoff, non verrebbe considerato gratificante andare a giocare una unica partita in trasferta con un solo risultato su tre a disposizione.

Contro la Viterbese, comunque, Colombo farà giocare chi ha raccolto meno minutaggio in questa stagione, per le ultime due gare del campionato, entrambe tra le mura amiche del Giovanni Paolo II, contro Gialloblu e Palermo.

Tra i pali sarà confermato il solito Bryan Costa che, oramai, ha sottratto il posto a Crispino. In difesa i biancazzurri, orfani di Delvino (assente per squalifica), si affideranno a Celli (in ballottaggio con Calcagno), con Marino centrale e Caporale sulla sinistra. In mezzo al campo spazio a Zenuni che sarà il play con accanto Tchetchoua e Mastropietro, mentre sulle fasce i soliti Giannotti e Nunzella agiranno a tutto campo. In avanti la novità si chiama Maiorino, quasi certo di una maglia da titolare, con accanto uno tra Ciccone e Vazquez. Parte dalla panchina questa volta Adorante. 

error: Content is protected !!