NON DEVE ESSERE UNA “SERIE C PIU’ COMBATTIVA”, MA RIFORMATA …

Sono ormai anni che la governance annuncia che si sta lavorando sulla riforma dei campionati, soprattutto su quello della serie C, ed invece ogni estate è la copia conferme delle precedenti. Il format è sempre quello, il problema della suddivisioni in gironi non cambia mai, il numero delle partecipanti non viene diminuito, così come la pressione fiscale e previdenziale rimane immutata. Difficile capite il perchè nessuno faccia niente, dopo averlo annunciato puntualmente, difficile capire perchè ogni anno c’è un Trapani, un Catania, un ProPiacenza e in estate tutte avevano superato l’esame degli organi preposti.

probabilmente assisteremo ad un’altra estate calda, mentre avremmo voluto assistere alle riforme, perchè di un campionato più combattivo, sinceramente non se ne sentiva la necessità, visto che due gironi su tre sono arrivati al 

error: Content is protected !!