LA VITERBESE RIPRENDE IL LAVORO

La Viterbese riprende il lavoro. E ce ne vorrà un bel pò, per modificarnee l’aspetto di questa Viterbese  bella a vedersi, – a tratti – ma sbilanciata in avanti, che che si sguarnisce troppo facilmente.

Riequilibrare l’assetto, rendendo più coperta la squadra, meglio distribuita in tutte le zone del campo, è quello che servirebbe. E’ anche ciò che chiede il patron Pierio Camilli, il quale avrebbe voluto una squadra più “cattiva”, con qualche ammonito in più – qualche pallone scaraventato in tribuna – e qualche gol subito in meno.

E’ un peccato gettar via punti così, perdere posizioni di classifica nella maniera meno opportuna, anche se di tempo ce n’è ancora tanto.

Se è vero – come dice Bertotto – che nessuno ha detto che la Viterbese avrebbe dovuto vincere il campionato a dicembre, è altrettanto vero che un girone meno difficile del previsto ha fatto rimbalzare l’undici gialloblu tra le prime quattro e da quella posizione non si deve uscire, di sicuro non a causa di due sconfitte in otto giorni.

error: Content is protected !!