AMARCORD GIOVANILE. GIOCAVANO CON LA MAGLIA DELLA SAMPDORIA…

Tanti giovani e Agostino Fanelli, un portiere che aveva mosso  i  primi  passi  nella  squadra  oratoriale  del  San  Paolo, quella dei Frati Cappuccini, che avevano un campetto adiacente al convento e alla chiesa. Per anni un signore toscano, conosciuto da tutti soltanto come il “Mister”, aveva lavorato su un gruppo di ragazzi che avevano trovato   in   quella   realtà   la   loro   dimensione,   lontano   dai “clamori” di Viterbese e Pianoscarano. Questa squadra aveva una particolarità su tutte, quella di indossare la maglia…

Leggi il seguito

AMARCORD. LA SERIE C DEL 2002: QUANTE VECCHIE CONOSCENZE!

1 – 9/10/02 (recupero)        Benevento-Giulianova 1-2 68’ e 94’ Elia (G), 82’ rig. Mastrolilli (B) BENEVENTO: Basso 7, Colletto 6.5, Nocerino 6.5, Tchangai 7 (10′ st Chiavaroni 6), D’Aniello 5.5, De Rosa 6, Vanacore 5.5 (1′ st Cutolo 6), Mastrolilli 5.5, Luisi 6, Di Nardo 6 (34′ st Sada sv). In Panchina: Chiavelli, Lo Calzo, Monetta, Iezzi Allenatore: Di Costanzo GIULIANOVA: Ardigò 6.5, Luzi 6.5 (26′ st Di Felice 6), Maiuri 6, Olivieri 6, Langella 5.5, F.Del Grosso 6 (40′…

Leggi il seguito

ACCADEVA… IL CALCIO COI BAFFI: IL TALKSHOW DI CAFFEINA 2017

Anche se inizialmente la collocazione aveva creato un certo malumore – nella stessa data della presentazione ufficiale e in orario tardo – alla fine anche l’appuntamento con Caffeina è stato archiviato con la soddisfazione di sempre. Al cortile Holden di Piazza San Carluccio la formula del talkshow ha funzionato grazie agli interventi intelligenti di Paolo Graziotti e allo spirito critico di Franco Fabri: è stato possibile fare un parlallelo tra il calcio – e i calciatori – di una volta…

Leggi il seguito

Amarcord. Benvenuti campione mondiale dei Medi

Pugilato: era lunedì 4 marzo 1968 … Al Madison Square Garden di New York, Nino Benvenuti conquistò per la seconda volta il titolo mondiale di boxe dei Pesi medi, nuovamente contro il colores Emile Griffith, vincendo ai punti. Un titolo difeso quattro volte. Contro Don Fullmer – nel dicembre 1968 – contro Fraser Scott – ottobre 1969 – contro Luis Rodriguez – novembre 1969 – e Tom Bethea, nel maggio 1970. La splendida parabola si interruppe al cospetto di Carlos…

Leggi il seguito

AMARCORD. LE ORIGINI DELLA PALLAVOLO, NEL CAPOLUOGO E NELLA TUSCIA

Nel capoluogo viterbese tutto era iniziato, con i primi anni sessanta, nel piazzale della caserma dei Vigili del Fuoco. Si misero insieme i facenti parte del Corpo ed alcuni sportivi, molti dei quali intraprenderanno, poi, la professione di insegnanti di educazione fisica. Verga, Biagi e Giacoboni erano tra questi: per poter far parte della squadra, però, dovevano fare la tessera di Vigili del fuoco ausiliari. Si giocava in ambito regionale, sempre su campi asfalto scoperti, spesso sotto la pioggia, talvolta…

Leggi il seguito

RADIO “A”. IVO CICCOZZI, UN “TOTEM” DELLA DIFESA A UOMO

DICE UN NOSTRO ASSIDUO LETTORE, DI IVO CICCOZZI, UNO DEI PIU’ BRAVI GIOCATORI DEL PASSATO, QUANDO LA DIFESA A UOMO “MORDEVA” SUGLI STINCHI DEGLI ATTACCANTI: “Grandissimo, giocatore della Viterbese degli anni 70, IVO CICCOZZI, per noi tutti “SCHIOPPETTONE”. Insieme a CAMPANI costituì la coppia di terzini piu’ forti che – forse – la Viterbese abbia mai avuto. Si pensi che nell’anno della promozione in serie C, ad una giornata dal termine del girone di andata, la squadra gia’ saldamente in…

Leggi il seguito

AMARCORD. GLI ANNI NOVANTA IN GIALLOBLU

E’  sicuramente uno dei decenni più interessanti per il calcio della città dei Papi. Un lasso di tempo in cui la gente si diverte molto seguendo le sorti dei “Leoni”. Un decennio “ricco”, caratterizzato da ben due promozioni, quelle di  squadre legate inevitabilmente alle caratteristiche vulcaniche di due presidenti come Deodati e Gaucci. Di baffi – ormai – se ne vedono sempre meno. Diventano quasi una eccezione, come quella dell’allenatore Paolo Berrettini, che da quel caratteristico “segno particolare” non si…

Leggi il seguito

AMARCORD. IL PADRE DI ZANIOLO, CHE SEGNO’ ALLA VITERBESE

Il figlio è il personaggio del momento, il padre fu protagonista, a livelli inferiori, in più di un’occasione. Anche in un pomeriggio del febbraio del 1988, quando era l’attaccante dello Spezia, inserito nello stesso girone di serie C dei Gialloblu. La partita si giocava alla Palazzina, per il girone di ritorno, tra Viterbese e Spezia, con i Gialloblu in vantaggio con Luciano Foschi, un gol che poteva significare vittoria, ma, a un minuto dal termine, Igor Zaniolo (il padre, appunto…

Leggi il seguito

AMARCORD. I PORTIERI GIALLOBLU, DAL GRANDE RESTANI AGLI STRANIERI

Per gli sportivi di una certa età rimane un’icona insuperabile, con quel fisico imponente e armonioso e quella classe che lo faceva stare tra i pali con una naturalezza incredibile. Rimane il portiere della prima volta in serie C, colui che contribuì a vincere il campionato eppoi a mantenere la categoria nel 1971, con quell’ultima battaglia per la salvezza contro il Brindisi, al vecchio stadio Comunale, che sembrava la finale di uno scudetto, con tanta, appassionata, partecipazione di pubblico. Su…

Leggi il seguito

AMARCORD. UN ANNO FA “TUTTI IN CAMPO”, A TUSCANIA

Anche a Tuscania l’approdo è stato dolce e carico di ricordi e sensazioni. E’ stato piacevole conoscere la famiglia Fioravanti, riuscire a far parlare di lui moglie e figlie anche di particolari della vita di tutti i giorni, che sicuramente erano sfuggiti alla narrazione sportiva. Ringrazio Mauro Cecchetti per aver collaborato in tutte le mie richieste affinchè diventasse davvero un appuntamento ricco di contenuti, con una sorta di passaggio di consegne tra i veterani del calcio tuscaniese e i giovani…

Leggi il seguito

GLI ANNI NOVANTA : MANIERO, CHE AVEVA GIOCATO INSIEME A KROLL

E’  sicuramente uno dei decenni più interessanti per il calcio della città dei Papi. Un lasso di tempo in cui la gente si diverte molto seguendo le sorti dei “Leoni”. Un decennio “ricco”, caratterizzato da ben due promozioni, quelle di  squadre legate inevitabilmente alle caratteristiche vulcaniche di due presidenti come Deodati e Gaucci. Di baffi – ormai – se ne vedono sempre meno. Diventano quasi una eccezione, come quella dell’allenatore Paolo Berrettini, che da quel caratteristico “segno particolare” non si…

Leggi il seguito
error: Content is protected !!